Cosa Vedere a Torralba

Siamo nel territorio del Meilogu, una zona prevalentemente vulcanica che con i colli conici caratteristici rendono il loro aspetto molto singolare in un contesto di una terra geologicamente antica. In questa zona i suoli sono fra quelli più fertili e tutta l’area è ricca di pascoli. In questo articolo abbiamo preso come punto di riferimento da cui partire Torralba e stilato un itinerario giornaliero su cosa vedere nei dintorni. Google maps, blog, letture di ogni tipo e qualche foto sui social ci ha aiutato a creare un percorso molto interessante in questa zona, il nostro articolo si baserà quindi sull'area limitrofa attorno Torralba grazie alla scoperta di siti di notevole interesse.

INDICE

TORRALBA

Considerando i suoi 1000 abitanti potrebbe risultare un piccolo borgo senza alcun interesse, invece il paese e la zona limitrofa possono offrire una giornata piena di emozioni e scoperte, soprattutto a livello storico e archeologico. E' stato rilassante camminare in mezzo alle strette vie tipiche di una paese dell'entroterra sardo e chiacchierare tranquillamente con qualche anziano locale seduto sulle panchine della piccola piazza centrale. Da prendere nota una visita alla chiesa di San Pietro Apostolo, edificata in pietra calcarea rappresenta la principale chiesa del paese dal 1600 circa. Cosa vedere nei dintorni di Torralba? Oltre la valle dei nuraghi sicuramente la chiesa di Nostra Signora di Cabu Abbas, caratterizzata tra l'altro da due diverse pietre, trachitica all'interno e granitica all'estero, da vedere sicuramente.

NURAGHE SANTU ANTINE

Solo percorrendo la strada all’interno della valle dei nuraghi ti accorgi subito che l’enorme pianura ha qualcosa di particolare. Nuraghi, domus de janas, necropoli, dolmen tutte sparse in una delle zone con il maggior numero di siti archeologici che fanno riferimento alla storia incredibile della Sardegna. Il nuraghe Santo Antine è indubbiamente la costruzione più affascinante della Sardegna nuragica che consiste di una torre centrale alta tre piani con bastioni e tre torri aggiunte, lunghi corridoi e un cortile interno con un pozzo. Intorno al nuraghe si trovano i resti di un villaggio nuragico che fu abitato ancora in epoca romana.

Non ci addentriamo nelle caratteristiche del nuraghe anche perché non abbiamo gli studi per poterlo fare (in questo caso ci sono tantissimi siti che possono descrivere accuratamente il nuraghe, come Sardegna Turismo) ma quello che possiamo dirvi che la cosa migliore è andare nel sito, in qualsiasi periodo dell’anno e fare una visita guidata (spesso inclusa nel costo del ticket) che vi permetterà di avere un infarinatura generale del nuraghe e della sua affascinante storia. Pensate che Intorno al nuraghe si trovano i resti di un villaggio nuragico con capanne circolari e strutture rettangolari e solo una parte dell'area è stato portato alla luce dagli archeologi. C’è tanto da esplorare, cosa vedere a Torralba e dintorni? Sicuramente questo nuraghe.

Fai una pausa dalla lettura, dedicati 2 minuti alla richiesta di un itinerario

NB: L’accettazione ed il relativo pagamento dell'itinerario con prenotazione dei servizi, insieme a tutte le condizioni contrattuali del viaggio, equivalgono alla sottoscrizione di una proposta di acquisto di un pacchetto turistico creato su misura da Travel Planner Family e venduto grazie all'organizzazione tecnica di Dune viaggi Alghero come da codice vigente del turismo. Per maggiori info su termini e condizioni clicca qui

VALLE DEI NURAGHI

La fertile valle è caratterizzata dal grande numero di nuraghi ancora oggi visibili. Nelle immediate vicinanze del nuraghe Santu Antine infatti potete osservare altre nove torri dell'età del bronzo, la più nota tra quelle è nuraghe Oes che si trova accanto alla linea ferroviaria in territorio di Giave. Noi abbiamo visitato l’area in cui si trova il nuraghe Longu e il nuraghe Curzu, poco più avanti percorrendo la stessa strada si può osservare l’affascinate Nuraghe Ruju, diviso a metà e ricoperto dalla vegetazione. Abbiamo quindi scoperto cosa c'è da vedere nei dintorni di Torralba dal punto di vista nuragico, ora passiamo al prenuragico.

TOMBA DEI GIGANTI SA PEDRA LONGA

Un altro esempio tangibile dell’incredibile storia del popolo sardo, la nostra anima e i nostri antenati hanno lasciato migliaia di eredità nel nostro territorio, prove concrete di come vivevano, lo stile di vita, abitudini, il loro credo. E’ compito nostro però preservare nel massimo dei modi questi siti archeologici di estremo valore, è nostro compito assicurare ai nostri pro nipoti che un giorno potranno vedere, scoprire, commentare e studiare tutto questo. La tomba dei giganti Sa Pedra Londa, è un altro sito nel comune di Torralba. E' l’ennesimo esempio un totale assenza di preservazione visto che è pienamente leggibile il suo pessimo stato di conservazione. E’ solo possibile vedere la parte dell’esedra con la stele monolitica e un brevissimo tratto di corridoio funerario. Il corpo tombale invece è un ammasso di pietre e terra visibile attraverso il profilo. E’ un peccato, soprattuto per il suo grande valore storico e archeologico. Proseguendo poco più avanti a circa 3 km dal sito è possibile vedere chiaramente il Rio Mannu e la natura che la circonda, posizionatevi sul borgo e scattate qualche foto, con la giusta luce si crea un riflesso sul fiume spettacolare.

I nostri post si basano su esperienze fatte personalmente da noi e che vorremmo tramandarvi attraverso la scrittura e la fotografia. Vi suggeriamo si seguirci su instagram e facebook dove potrete vedere, anche LIVE attraverso stories, i nostri percorsi e le nostre scoperte. Il nostro lavoro consiste nel disegnare il tuo itinerario strutturando il viaggio in base alle tue esigenze e passioni con consigli su attività e idee che ti faranno vivere una viaggio magnifico pieno di emozioni. Con noi risparmi tempo, denaro e stress nell’organizzazione di tutto, ed inoltre avrai la possibilità di scoprire mete poco battute che solo un esperto del territorio conosce. Il nostro motto è: "Dove non c'è il turismo di massa, ci sarete voi".

LA SARDEGNA
Scopri questa speciale sezione dedicata alla Sardegna con idee e suggerimenti attraverso le nostre esperienze sul campo.

Un modo originale e divertente di vivere il vostro viaggio è quello di noleggiare un camper o van vintage e seguire il nostro itinerario in giro per la Sardegna selvaggia. Abbiamo avuto anche la possibilità di stilare itinerari on the road a bordo di un Van Vintage anche a personaggi noti come Claudio Sona (primo e unico tronista gay di uomini e donne) con il compagno Nicholas Cornia ma anche a Linda Morselli (Pechino Express 2018 ed ex-fidanzata di Valentino Rossi) con la sua amica Denise Della Giacoma, le loro esperienze sono state fonte di stimolo per tantissimi futuri viaggiatori.

Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su email
Email